CX, front e back-end
Scenari CX e Social
Innovazione e rischi
Operatori SuperEroi
Detrattori - Promotori
CustomerEngagement
Nuovo Servizio Clienti
Banche e social
Integrazione social
Creare Clienti Fan
Parole di Esperienza
Ieri Oggi Domani
CX e collaboratori
Comuni - ContactC
Bots v/s App
Artificial Intelligence
Relazione "human"
Errori su Social
Report DimensionD
Servizi in Cloud
CRM oggi
Work at home
Clienti non numeri
Self Service e CX
Quale CX oggi?
CRM digital auto
Successione appalti
Formazione Social
Digital Experience
Settori di attività
Telemarketing B2B
Semplificare
CX contro silos
Osservatorio CX
Multichannel c.c.
Relazioni con banche
Standard SIP
KPI di successo
Cuffie e innovazione
Big Data e CC - 2013
Custom engagement
Banche esperience
Nuovo contactcenter
Manager Assistant
Performance Manage
Nuovo Marketing
Big Data e CC
Stipendio CRM
Next generation
Atteggiamento
Cambiamenti
M2M internet cose
Decalogo e.mail
SM e Servizio Clienti
Auguri significativi
ING Direct USA
Direttiva UE
Social Customer S
UCC Contact Center
Luca D'Ambrosio
Intelligence nella CE
Il caso GiffGaff
Cambio dei media
Social Media C C
Per ogni interazione
SM e Servizio Clienti
Manager paraocchi
Social M e Comunità
Esperienza e azioni
ConferenzaCustomEx
Committente parte4
Gestione Feedback
Committente parte3
Committente parte2
Committente parte1
Voce Cliente 2.0
Eccellenza servizio
Gestire Reclami
Cus.Experience-3
Pensieri 2011
Offshore
Staff Retention
Cus.Experience-2
Integrazione con SN
EsperienzaReput.ne
Cus.Expercience-1
Insegnare il SC
First Call Res.on
Oggi 2010
Indagini on-line
Team Chat
Web Customer S.
Troppi KPI?
Proroga 81/08
Motivazione
Dare e avere
Tele operatore
Gravi Errori
Fedeltà cliente
Evoluzione futura
Ricette relazione
Quale interazione
Sergio Abramo
Customer Service
Qualche riflessione
Esperienza
Misurare l'AHT?
Reinventare il CS
Manager Comunità
Benchmarking 2009
Rapporto Banche
Digital Signage
Test CC virtuale
Favole famose
Glossario Marketing
Saper vendere
Coerenza-Equilibrio
Aziende Aperte
Comunicazione09
Capo Community
Outbound in UK
Qualità voce IP
Attività Energia
Strategie BPO
Multicanale2009
Collaboration 2.0
Redazionali 08-09
Responsabilizzare
Contact Workspace
Business Mkt 2.0
Customer Sat
Sw as a Service
Contact Center 2.0
Schizofrenia
Gare di appalto
Valore del Cliente
Marketing Web 2.0
Prospect Relat. Mkt
Soddisfazione C
Customer Lifetime
Addetti soddisfatti
Cust. Retention
+ Qualità - Costi
Il caso Atesia
Cambiare business
AssistenteVirtuale
Ricerca Aspect
Parlo con l'acqua?
Da Il Sole 24 Ore
Apprendistato
N. Verde Banche
Elenchi telefonici
Ciclo vita e Crm
Vivere nei CC
Ottimizzare
Nuovo Garante
Per Committenti
LightHouse IFM
Soluzioni speech
Mercato Francia
Outsourcing Usa
Innovazione e CC
TLC 2004 in UE
Valore HelpDesk
Riunioni efficaci
Customer Service
Pensieri per 2004
Principi gestionali
e-government-03
Prezzi ricerche
"Total Access"
Aiuto ai clienti
Survey multilingue
Investire in GB
C.C. virtuali in rete
CMF-benchmark
Delega Lavoro
Famiglie on-line
Profilo Manager
Nuovi Help Desk
Agenda fine2002
Dis.legge Co.co.co.

URP: cambiamenti
Sla per competere
Telelavoro 2002
Forme Contrattuali
URP e Cittadini
Indagini Customer
Scritto a HelpDesk
Giocate: test Q.I.
Legge privacy 2002
Call Center e India
Assicurazioni
Internalizzare
Dialoghi curiosi
Relazione e Internet
Euro: info utili
Nuovi simboli
Cirm: Rapporto Crm
Libro Risorse Umane
Stupidaggini
La storia delle cuffie
Capacità Ascolto
Sondaggio atipici
Forum su Crm
E-mail e spamming
Formazione interinali
Il Crm di PWC
Valore opinioni
Consumi e Crm
Datamonitor 2000
Ricerca lavoro
Regole di training
Atipici flessibili
Rassegna libri
Cambio personale
Turnover
Italiani e P.U.
Integrazione IT
Portabilità tlc
Mercato francese
800 in Francia
Aziende e Clienti
Nuovi contatti
E-procurement
Cyberstore
Compagnieonline
Nuovo Marketing
Tariffe TAT
Banca virtuale
Suggerimenti
E-business
Fondi al telefono
Pillole antistress
Motivazioni
Cosourcing
Ambiente di lavoro
Attenzione Cliente
CRM in Italia
Formazione
Lavori atipici
Borsa e CallCenter
Verso l'e-business
E-commerce B2C
Benchmarking
Skill Agenti
Indici performance
Le misurazioni

L'industria di CT
Telefonini e CC
Satisfaction
Garante operativo
Call Center e 675
CRM
Circa la 675
Dagli UK
Knowledge Manager
Microsoft Vision
Infedeltà del cliente
Confronti Europa
Risorse e conflitto
Citazioni
Valore dei servizi
Privacy e TLC
Sicurezza on line
Riflessioni off-line
One to one, oggi
Schegge


  

Call center in India

Il 30 dicembre 2001 la Reuters ha diffuso un articolo da Bombay a firma di Rosemary Arackaparambil, che riteniamo interessante qui proporre.

Giovani loquaci, molti vestiti all'occidentale con abiti casual, stanno scendedendo ad una fermata metropolitana nella periferia nord di Bombay; sembrano diretti ad un campus universitario.
Ma l'ora è tarda e la loro meta è un moderno complesso di uffici. In quel luogo, in ampi e luminosi locali le cui pareti sono adornate da poster colorati, essi si siedono di fronte a computer, indossano cuffie telefoniche e trascorrono parecchie ore parlando in inglese con accento americano.
Questi giovani, dai 18 ai 26 anni, sono impiegati presso compagnie
internazionali che gestiscono servizi di telemarketing per i clienti di mezzo mondo.

Fanno quindi parte di un'offerta di "forza lavoro" che l'India ultimamente esporta nell'ambito dei servizi a supporto dell'Information Technology (IT). Questi servizi comprendono telemarketing, help desk, contabilità di back office, aggiornamento database, gestione polizze assicurative, carte di credito: tutte attività che possono essere svolte via telefono e con computer via Internet.
L'India mira a diventare il back-office del mondo!
Uno studio della McKinsey valuta che questi servizi potrebbero complessivamente portare ad un fatturato di circa 500 milioni di dollari nel 2008.
Nel corso di un recente seminario di venture capital a Bombay, Pramod Bhasin, presidente della GE Capital Services, ha affermato che "non esiste settore così promettente come quello dei call center per l'India e che esso è anche un efficace veicolo di promozione". La sua società offre dall'India servizi per la gestione dei reclami e del credito a 80 filiali GE nel mondo.
Paesi come Australia, Nuova Zelanda, Irlanda, Canada e Filippine hanno fornito a lungo servizi di call center, ma l'India con la sua forza lavoro a basso costo, ad alto tasso di ascolarità, in grado di parlare bene l'inglese e e di usare le tecnologie IT sta diventando velocemente più attrattiva.
L'Associazione indiana Nasscom (servizi e software) prevede che il giro di affari derivante dalla vendita di servizi cresca di 20 volte: da 40 miliardi di rupie del 2001 a 810 miliardi del 2008. Da notare che alla Nasscom sono iscrittte circa 208 società, ma molte di più sono quelle attive.
Secondo fondi industriali, le società indiane possono offrire i servizi di call center ad un prezzo del 30%-40% inferiore di quello dei loro concorrenti.
"Tra i servizi di supporto all'IT qualli di call center rapresentano maggiori opportunità, e l'India è appena agli inizi.." afferma Johnathan Everett, direttore della società di venture capitel The View Group, che fattura 40 milioni di dollari.
I servizi di call center possono essere estesi anche all'assistenza personale, come intende fare Balgalore Phoenix Global Solutions con un progetto pilota avviato con 50 addetti che consiglieranno on-line le persone americane in difficoltà.

Nasscom stima che gli impiegati in India nei servizi di supporto IT siano oggi pari a 68.000 e prevede che saranno 1,1 milioni entro il 2008.
Lo stipendio mensile per un giovane diplomato alla ricerca del primo impiego in un call center varia da 165 a 207 dollari.
Molte società straniere, come Hsbc, Standard Chartered Bank, American Express a Britsh Airways, stanno localizzando i loro centro di gestione delle attività di back-office in India.
Le società indiane di IT - come Wipro, Hcl Technolgies, Mphasis Bfl a Bharti (telecom) - hanno già annunciato di volere espandere la loro offerta di servizi di supporto. "La principale ragione che ci spinge a fare ciò è che si tratta di una ampia gamma di servizi destinati allo stesso target di clienti", ha detto Ramesh Enami della Wipro.

Ma le società indiane debbono ora disporre di nuove capacità di marketing, maggiori infrastrutture e debbono affrontare gli aspetti culturali per poter catturare più opportunità di affari.
I call center di norma assumono personale con accento neutro.
Molti sono localizzati nelle maggiori città: New Delhi, Bombay e Bangalore.
Le società che lavorano con clienti degli Usa cercano di avvicinare, con opportuno addestramento, i loro operatori alla lingua e alla cultura americana, per dare l'impressione a coloro che chiamamo i call center di essere localizzati negli Usa.
Molti operatori si inventano un nuovo nome americano per agevolare la relazione durante la telefonata.
Nonostante la relativa giovinezza di questo settore economico, le aziende indiane hanno un turnover del personale alto: variabile dal 20 al 25%.
Dopo gli investimenti in telecomunicazioni, informatica e gruppi di continuità i call center debbono perciò investire nell'addestramento e nella fidelizzazione del personale.
La società Gtl, con 1000 posti operatore vicino a Bombay, dispone di un locale per la ginnastica, di uno per la preghiera, uno per la ricreazione, uno per i baby sitters, tutto ciò per coccolare e cercare di trattenere il proprio personale.
Ma gli esperti affermano che se quello del personale è un problema le società necessitano anche di creare accordi con partner stranieri per ridurre i costi di acquisizione di nuovi clienti e per espandere il giro di affari.