CX, front e back-end
Scenari CX e Social
Innovazione e rischi
Operatori SuperEroi
Detrattori - Promotori
CustomerEngagement
Nuovo Servizio Clienti
Banche e social
Integrazione social
Creare Clienti Fan
Parole di Esperienza
Ieri Oggi Domani
CX e collaboratori
Comuni - ContactC
Bots v/s App
Artificial Intelligence
Relazione "human"
Errori su Social
Report DimensionD
Servizi in Cloud
CRM oggi
Work at home
Clienti non numeri
Self Service e CX
Quale CX oggi?
CRM digital auto
Successione appalti
Formazione Social
Digital Experience
Settori di attività
Telemarketing B2B
Semplificare
CX contro silos
Osservatorio CX
Multichannel c.c.
Relazioni con banche
Standard SIP
KPI di successo
Cuffie e innovazione
Big Data e CC - 2013
Custom engagement
Banche esperience
Nuovo contactcenter
Manager Assistant
Performance Manage
Nuovo Marketing
Big Data e CC
Stipendio CRM
Next generation
Atteggiamento
Cambiamenti
M2M internet cose
Decalogo e.mail
SM e Servizio Clienti
Auguri significativi
ING Direct USA
Direttiva UE
Social Customer S
UCC Contact Center
Luca D'Ambrosio
Intelligence nella CE
Il caso GiffGaff
Cambio dei media
Social Media C C
Per ogni interazione
SM e Servizio Clienti
Manager paraocchi
Social M e Comunità
Esperienza e azioni
ConferenzaCustomEx
Committente parte4
Gestione Feedback
Committente parte3
Committente parte2
Committente parte1
Voce Cliente 2.0
Eccellenza servizio
Gestire Reclami
Cus.Experience-3
Pensieri 2011
Offshore
Staff Retention
Cus.Experience-2
Integrazione con SN
EsperienzaReput.ne
Cus.Expercience-1
Insegnare il SC
First Call Res.on
Oggi 2010
Indagini on-line
Team Chat
Web Customer S.
Troppi KPI?
Proroga 81/08
Motivazione
Dare e avere
Tele operatore
Gravi Errori
Fedeltà cliente
Evoluzione futura
Ricette relazione
Quale interazione
Sergio Abramo
Customer Service
Qualche riflessione
Esperienza
Misurare l'AHT?
Reinventare il CS
Manager Comunità
Benchmarking 2009
Rapporto Banche
Digital Signage
Test CC virtuale
Favole famose
Glossario Marketing
Saper vendere
Coerenza-Equilibrio
Aziende Aperte
Comunicazione09
Capo Community
Outbound in UK
Qualità voce IP
Attività Energia
Strategie BPO
Multicanale2009
Collaboration 2.0
Redazionali 08-09
Responsabilizzare
Contact Workspace
Business Mkt 2.0
Customer Sat
Sw as a Service
Contact Center 2.0
Schizofrenia
Gare di appalto
Valore del Cliente
Marketing Web 2.0
Prospect Relat. Mkt
Soddisfazione C
Customer Lifetime
Addetti soddisfatti
Cust. Retention
+ Qualità - Costi
Il caso Atesia
Cambiare business
AssistenteVirtuale
Ricerca Aspect
Parlo con l'acqua?
Da Il Sole 24 Ore
Apprendistato
N. Verde Banche
Elenchi telefonici
Ciclo vita e Crm
Vivere nei CC
Ottimizzare
Nuovo Garante
Per Committenti
LightHouse IFM
Soluzioni speech
Mercato Francia
Outsourcing Usa
Innovazione e CC
TLC 2004 in UE
Valore HelpDesk
Riunioni efficaci
Customer Service
Pensieri per 2004
Principi gestionali
e-government-03
Prezzi ricerche
"Total Access"
Aiuto ai clienti
Survey multilingue
Investire in GB
C.C. virtuali in rete
CMF-benchmark
Delega Lavoro
Famiglie on-line
Profilo Manager
Nuovi Help Desk
Agenda fine2002
Dis.legge Co.co.co.

URP: cambiamenti
Sla per competere
Telelavoro 2002
Forme Contrattuali
URP e Cittadini
Indagini Customer
Scritto a HelpDesk
Giocate: test Q.I.
Legge privacy 2002
Call Center e India
Assicurazioni
Internalizzare
Dialoghi curiosi
Relazione e Internet
Euro: info utili
Nuovi simboli
Cirm: Rapporto Crm
Libro Risorse Umane
Stupidaggini
La storia delle cuffie
Capacità Ascolto
Sondaggio atipici
Forum su Crm
E-mail e spamming
Formazione interinali
Il Crm di PWC
Valore opinioni
Consumi e Crm
Datamonitor 2000
Ricerca lavoro
Regole di training
Atipici flessibili
Rassegna libri
Cambio personale
Turnover
Italiani e P.U.
Integrazione IT
Portabilità tlc
Mercato francese
800 in Francia
Aziende e Clienti
Nuovi contatti
E-procurement
Cyberstore
Compagnieonline
Nuovo Marketing
Tariffe TAT
Banca virtuale
Suggerimenti
E-business
Fondi al telefono
Pillole antistress
Motivazioni
Cosourcing
Ambiente di lavoro
Attenzione Cliente
CRM in Italia
Formazione
Lavori atipici
Borsa e CallCenter
Verso l'e-business
E-commerce B2C
Benchmarking
Skill Agenti
Indici performance
Le misurazioni

L'industria di CT
Telefonini e CC
Satisfaction
Garante operativo
Call Center e 675
CRM
Circa la 675
Dagli UK
Knowledge Manager
Microsoft Vision
Infedeltà del cliente
Confronti Europa
Risorse e conflitto
Citazioni
Valore dei servizi
Privacy e TLC
Sicurezza on line
Riflessioni off-line
One to one, oggi
Schegge

 

  

Le Gare d'appalto, nuovi criteri

La maggior parte delle norme e delle metodologie più in uso nascono per favorire un sistema equo di approvvigionamento di beni materiali ed immateriali (e.g. software). Si tratta di beni le cui caratteristiche sono ben individuabili e descrivibili e che possono essere verificate al momento della consegna e della presa in carico da parte del committente (collaudo) e che hanno un ben preciso prezzo di fornitura legato alle caratteristiche del bene ed alle modalità di fornitura e pagamento.
Ben diverso è il problema quando si parla della fornitura di un servizio.
Anche per il servizio si possono individuare le caratteristiche (Service Level Agreement, SLA) da indicare nel bando ma queste, per la maggior parte, non sono verificabili prima dell’inizio del servizio, in quanto sono legate spesso alla continuità, alla efficienza ed alla efficacia del servizio stesso. Molti dei parametri contenuti negli SLA fanno riferimento a valori mediati in lunghi periodi di tempo.
Nasce così il problema per il committente di essere in grado di accorgersi che il fornitore non è in grado di provvedere alla fornitura del servizio promesso nell’offerta, solo dopo un medio-lungo periodo di tempo dall’inizio della fornitura.
Il danno che ne riceve il committente è spesso molto maggiore della eventuale compensazione che potrebbe nascere dall’applicazione di penali previste a contratto.
Il problema è tanto più grave quanto più il servizio è complesso e richiede molto tempo al fornitore per lo sviluppo di procedure di esecuzione, formazione del personale, fornitura ed installazione delle apparecchiature di servizio.
Infatti reimpostare una gara, attendere le offerte, aggiudicare, dare tempo al fornitore di allestire la fornitura e quindi attendere di nuovo un lungo tempo per verificare la validità del nuovo fornitore è un qualcosa di estremamente dannoso per il committente che, nella maggior parte dei casi, deve accontentarsi di un servizio mal fatto consolandosi solo con l’applicazione di una penale.
Questa situazione ha anche un risvolto perverso nei riguardi del comportamento di alcuni fornitori che tendono ad approfittarsi della situazione di forza in cui vengono a trovarsi.
Sapendo che il servizio fornito, anche se non corrispondente a pieno agli SLA dovrà essere accettato dal committente, in fase di offerta il fornitore tenderà a valutare opportunamente il costo del servizio che nella realtà fornirà e, di conseguenza farà un’offerta economica molto invitante che favorirà l’aggiudicazione della gara.

Un tipico servizio verificabile solo a posteriori è quello di “relazione con i clienti”, in cui i tempi di risposta, la validità delle risposte, la creazione di un rapporto con il cliente sono elementi che richiedono tempo di esercizio per poter essere valutati.
La validità di un sistema di ”Customer Service” dipende da molteplici parametri che vanno dalla struttura hardware e software del sistema, alla qualità, alla preparazione e disponibilità del personale operativo ed alla capacità organizzativa delle risorse in generale.
Scrivere un bando per un sistema di relazione con i clienti ed aggiudicare la conseguente gara è un problema molto complesso e comporta forti rischi per il committente.
Questa tematica è stata affrontata da tempo per la fornitura di sistemi complessi che richiedono lunghi tempi di sviluppo e complesse procedure; basti pensare alla complessità ed alla delicatezza dei sistemi di Controllo Traffico Aereo.

Senza passare in rivista le varie metodologie usate, alcune molto valide ma anche molto costose, vorrei citare un recente criterio sviluppato dal CNIPA e poi applicato per la realizzazione di una complessa rete telefonica pubblica.
La metodologia di aggiudicazione era ovviamente preannunciata nel bando di gara.
La gara per prima cosa deve avere un’impostazione da “appalto concorso” nel quale uno degli elementi fondamentali di valutazione è la qualità del progetto sviluppato dal fornitore.
Il peso del costo del servizio non deve essere preponderante, ma deve entrare nella formula di valutazione con un peso non maggiore del 30 – 40 %.
Al vincitore viene assegnata la maggior parte della fornitura (e.g. il 70 %) , il rimanente della fornitura verrà assegnato al secondo classificato, o diviso fra il secondo ed il terzo classificato, a patto che questi concorrenti accettino di fare la loro parte di fornitura ad un prezzo unitario uguale a quello fatto dal vincitore.
Questo metodo ha il grande vantaggio di garantire il committente che, nel caso il fornitore principale non dovesse fornire un servizio soddisfacente, vi sarebbe un altro od altri due fornitori già pronti per subentrare. Inoltre la realizzazione competitiva dei sistemi garantisce il committente del massimo impegno da parte dei fornitori.
Il naturale maggior costo della fornitura sarà ampiamente compensato dalla certezza e dalla velocità di realizzazione del sistema.
Procedendo nella direzione di sistemi sempre più complessi ed impegnativi di “Customer Service”, non si può pensare di proseguire con gare al massimo ribasso che hanno spesso avuto risultati disastrosi sulla qualità anche di servizi "semplici", quali quelli della tentata vendita telefonica.
Un’industria che cresce nella ricerca della qualità del servizio offerto, deve scegliere i fornitori-partner con criteri di valutazione adeguati e che garantiscano nel tempo la continuità e la validità del prodotto servizio fornito.

Gian Carlo Gerosa
Roma 4 maggio 2007

 


Leggere anche:

Acquistare servizi di Call Center, incontro con ADACI