Marketing e IT
CX, front e back-end
Scenari CX e Social
Innovazione e rischi
Operatori SuperEroi
Detrattori - Promotori
CustomerEngagement
Nuovo Servizio Clienti
Banche e social
Integrazione social
Creare Clienti Fan
Parole di Esperienza
Ieri Oggi Domani
CX e collaboratori
Comuni - ContactC
Bots v/s App
Artificial Intelligence
Relazione "human"
Errori su Social
Report DimensionD
Servizi in Cloud
CRM oggi
Work at home
Clienti non numeri
Self Service e CX
Quale CX oggi?
CRM digital auto
Successione appalti
Formazione Social
Digital Experience
Settori di attività
Telemarketing B2B
Semplificare
CX contro silos
Osservatorio CX
Multichannel c.c.
Relazioni con banche
Standard SIP
KPI di successo
Cuffie e innovazione
Big Data e CC - 2013
Custom engagement
Banche esperience
Nuovo contactcenter
Manager Assistant
Performance Manage
Nuovo Marketing
Big Data e CC
Stipendio CRM
Next generation
Atteggiamento
Cambiamenti
M2M internet cose
Decalogo e.mail
SM e Servizio Clienti
Auguri significativi
ING Direct USA
Direttiva UE
Social Customer S
UCC Contact Center
Luca D'Ambrosio
Intelligence nella CE
Il caso GiffGaff
Cambio dei media
Social Media C C
Per ogni interazione
SM e Servizio Clienti
Manager paraocchi
Social M e Comunità
Esperienza e azioni
ConferenzaCustomEx
Committente parte4
Gestione Feedback
Committente parte3
Committente parte2
Committente parte1
Voce Cliente 2.0
Eccellenza servizio
Gestire Reclami
Cus.Experience-3
Pensieri 2011
Offshore
Staff Retention
Cus.Experience-2
Integrazione con SN
EsperienzaReput.ne
Cus.Expercience-1
Insegnare il SC
First Call Res.on
Oggi 2010
Indagini on-line
Team Chat
Web Customer S.
Troppi KPI?
Proroga 81/08
Motivazione
Dare e avere
Tele operatore
Gravi Errori
Fedeltà cliente
Evoluzione futura
Ricette relazione
Quale interazione
Sergio Abramo
Customer Service
Qualche riflessione
Esperienza
Misurare l'AHT?
Reinventare il CS
Manager Comunità
Benchmarking 2009
Rapporto Banche
Digital Signage
Test CC virtuale
Favole famose
Glossario Marketing
Saper vendere
Coerenza-Equilibrio
Aziende Aperte
Comunicazione09
Capo Community
Outbound in UK
Qualità voce IP
Attività Energia
Strategie BPO
Multicanale2009
Collaboration 2.0
Redazionali 08-09
Responsabilizzare
Contact Workspace
Business Mkt 2.0
Customer Sat
Sw as a Service
Contact Center 2.0
Schizofrenia
Gare di appalto
Valore del Cliente
Marketing Web 2.0
Prospect Relat. Mkt
Soddisfazione C
Customer Lifetime
Addetti soddisfatti
Cust. Retention
+ Qualità - Costi
Il caso Atesia
Cambiare business
AssistenteVirtuale
Ricerca Aspect
Parlo con l'acqua?
Da Il Sole 24 Ore
Apprendistato
N. Verde Banche
Elenchi telefonici
Ciclo vita e Crm
Vivere nei CC
Ottimizzare
Nuovo Garante
Per Committenti
LightHouse IFM
Soluzioni speech
Mercato Francia
Outsourcing Usa
Innovazione e CC
TLC 2004 in UE
Valore HelpDesk
Riunioni efficaci
Customer Service
Pensieri per 2004
Principi gestionali
e-government-03
Prezzi ricerche
"Total Access"
Aiuto ai clienti
Survey multilingue
Investire in GB
C.C. virtuali in rete
CMF-benchmark
Delega Lavoro
Famiglie on-line
Profilo Manager
Nuovi Help Desk
Agenda fine2002
Dis.legge Co.co.co.

URP: cambiamenti
Sla per competere
Telelavoro 2002
Forme Contrattuali
URP e Cittadini
Indagini Customer
Scritto a HelpDesk
Giocate: test Q.I.
Legge privacy 2002
Call Center e India
Assicurazioni
Internalizzare
Dialoghi curiosi
Relazione e Internet
Euro: info utili
Nuovi simboli
Cirm: Rapporto Crm
Libro Risorse Umane
Stupidaggini
La storia delle cuffie
Capacità Ascolto
Sondaggio atipici
Forum su Crm
E-mail e spamming
Formazione interinali
Il Crm di PWC
Valore opinioni
Consumi e Crm
Datamonitor 2000
Ricerca lavoro
Regole di training
Atipici flessibili
Rassegna libri
Cambio personale
Turnover
Italiani e P.U.
Integrazione IT
Portabilità tlc
Mercato francese
800 in Francia
Aziende e Clienti
Nuovi contatti
E-procurement
Cyberstore
Compagnieonline
Nuovo Marketing
Tariffe TAT
Banca virtuale
Suggerimenti
E-business
Fondi al telefono
Pillole antistress
Motivazioni
Cosourcing
Ambiente di lavoro
Attenzione Cliente
CRM in Italia
Formazione
Lavori atipici
Borsa e CallCenter
Verso l'e-business
E-commerce B2C
Benchmarking
Skill Agenti
Indici performance
Le misurazioni

L'industria di CT
Telefonini e CC
Satisfaction
Garante operativo
Call Center e 675
CRM
Circa la 675
Dagli UK
Knowledge Manager
Microsoft Vision
Infedeltà del cliente
Confronti Europa
Risorse e conflitto
Citazioni
Valore dei servizi
Privacy e TLC
Sicurezza on line
Riflessioni off-line
One to one, oggi
Schegge


  

Banche, esperienza più trasparente e personalizzata

I clienti sono disposti a fornire informazioni private in cambio di un servizio più personalizzato, maggiore sicurezza contro i furti di identità e maggiore semplicità nella gestione delle proprie finanze.


Cisco ha presentato i risultati dello studio Cisco Customer Experience Report focalizzato sul retail banking. Lo studio globale ha esaminato il desiderio degli intervistati di avere un’esperienza bancaria più personalizzata e che permetta una gestione semplificata delle proprie finanze tramite diversi canali, incluso l’online, i telefoni tradizionali e cellulari, la videoconferenza e gli sportelli bancari.
Inoltre, sono stati esaminati i pareri degli utenti sulla privacy dei loro dati personali e sul valore degli strumenti di gestione finanziaria utilizzati quotidianamente.

Globalmente, tra gli aspetti più importanti nell’interazione con la propria banca o consulente finanziario, gli utenti hanno indicato:
disponibilità (63%), competenza (65%) e efficienza (68%).



Gli intervistati hanno espresso la disponibilità a dare ulteriori dettagli sulle loro abitudini finanziare e permettere alle banche di essere consulenti più attivi, in cambio di una maggiore protezione dal furto di identità (83%), maggior risparmio (80%), servizi personalizzati (78%), e maggiore semplicità (56%) nella gestione delle proprie finanze.
Solo il 54% ha espresso il desiderio di avere sistemi automatizzati che forniscano consulenza finanziaria o suggerimenti, mentre il 59% ha indicato che sarebbe meglio ricevere tali suggerimenti sul proprio dispositivo mobile.
La maggioranza (71%) ha indicato di sentirsi a proprio agio utilizzando comunicazioni virtuali oltre alle conversazioni personali, con il 48% registrato nelle economie emergenti dove si preferisce avere accesso on-demand ai consigli degli esperti rispetto al 52% registrato nelle economie sviluppate dove si preferisce parlare con una persona in particolare.

In generale, lo studio, rivela l’interesse degli utenti ad avere contatti più personalizzati, costanti e di valore con la propria banca; ovvero il tipo di connessione resa possibile da ciò che Cisco definisce come l’Internet of Everything (IoE).
L’Internet of Everything riunisce le persone, i processi, i dati e le cose per dar luogo a connessioni di rete più coerenti e di valore rispetto a quanto possibile fino ad oggi. Cisco ha recentemente rilasciato un’analisi economica dell’Internet of Everything che ha identificato nei mercati bancario e assicurativo i settori nella miglior posizione per acquisire fino al 9% del valore pari a 14,4 trilioni di dollari che sarà generato nel corso dei prossimi dieci dalle innovazioni dell’Internet of Everything.

Principali aspetti
Lo studio globale, condotto all’inizio del 2013, ha analizzato le risposte date da 1.514 utenti e 405 professionisti del settore bancario di 10 paesi (Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Russia, Inghilterra e Stati Uniti).
Lo studio ha analizzato le preferenze degli utenti in relazione a come e quando desiderano essere coinvolti dalla loro banca tramite diversi canali per attività che vanno dal controllo del proprio conto corrente all’acquisizione di consulenza finanziaria.

Globalmente, la maggioranza (78%) degli utenti vorrebbe servizi finanziari personali più semplici da utilizzare.

  • I servizi personalizzati che desiderano gli utenti dalla propria banca: l’83% vuole maggiore sicurezza contro i furti d’identità, l’80% desidera servizi di consulenza per aumentare i propri risparmi, il 73% una maggiore formazione finanziaria, e il 55% una valutazione della propria situazione finanziaria. È interessante notare che i direttori di banca si aspettavano che tali percentuali fossero più alte di circa il 20%.
  • La capacità di una banca di fornire servizi finanziari personali: globalmente, solo il 45% degli utenti ritiene che la propria banca abbia informazioni sufficienti per offrire loro servizi personalizzati, mentre il 63% del personale di banca ritiene di avere sufficienti informazioni personali sui loro clienti.

La disponibilità degli utenti a condividere le informazioni private con il personale di banca.

  • Le impronte digitali per una maggiore sicurezza: il 61% degli utenti è disposto a fornire alla propria banca le proprie impronte digitali o altri dati biometrici per verificare le transazioni finanziarie e per proteggersi contro pericoli come il furto dell’identità. Globalmente, il 61% degli utenti è disposto a condividere i dati biometrici: i giapponesi sono i meno propensi (33%) mentre i cinesi sono i più propensi (94%).
  • Gestione semplificata del denaro: globalmente, il 56% degli utenti è disposto a fornire ulteriori dati personali al fine di semplificare la gestione delle proprie finanze.
  • Tuttavia, i dati personali devono restare in banca: globalmente il 60% degli intervistati non vuole che i propri dati personali vengano condivisi al di fuori della banca, anche se ciò migliorerebbe la qualità del servizio in altre aree. In particolare, il 72% degli utenti in Russia e Germania non vuole che la banca condivida esternamente i loro dati personali.

La maggioranza degli utenti globali è connessa virtualmente alla propria banca.

  • Disponibilità per le riunioni virtuali: globalmente, il 71% degli utenti è propenso a comunicare con il proprio operatore finanziario utilizzando la tecnologia (come ad esempio il texting, la posta elettronica o il video) invece che incontrarsi di persona. Globalmente, 7 intervistati su 10 e il 92% del personale di banca, sono a proprio agio nell’utilizzo della tecnologia virtuale.
  • Anche i mutui e i prestiti potrebbero essere gestiti virtualmente: globalmente, oltre la metà degli utenti (57%) si sentirebbe sicuro nel richiedere un mutuo o un prestito tramite l’utilizzo della tecnologia, come ad esempio il video per comunicare con la propria banca.
  • Il computer è lo strumento preferito per l’utilizzo del video, rispetto allo smartphone: globalmente, il 40% degli utenti preferiscono lo smartphone per le conversazione video con il personale di banca, mentre la maggioranza (60%) preferisce il computer desktop o portatile.
  • La presenza fisica è ancora importante specialmente per acquisire nuovi clienti: globalmente, il 60% degli utenti sarebbe disposto ad aprire un account con la banca completamente virtuale se gli fossero offerti servizi migliori e più sicuri – i francesi sono i meno propensi (44%) e i cinesi i più propensi (91%).

Per ulteriori informazioni sullo studio Cisco è possibile visitare il Cisco Customer Experience Report.