CX, front e back-end
Scenari CX e Social
Innovazione e rischi
Operatori SuperEroi
Detrattori - Promotori
CustomerEngagement
Nuovo Servizio Clienti
Banche e social
Integrazione social
Creare Clienti Fan
Parole di Esperienza
Ieri Oggi Domani
CX e collaboratori
Comuni - ContactC
Bots v/s App
Artificial Intelligence
Relazione "human"
Errori su Social
Report DimensionD
Servizi in Cloud
CRM oggi
Work at home
Clienti non numeri
Self Service e CX
Quale CX oggi?
CRM digital auto
Successione appalti
Formazione Social
Digital Experience
Settori di attività
Telemarketing B2B
Semplificare
CX contro silos
Osservatorio CX
Multichannel c.c.
Relazioni con banche
Standard SIP
KPI di successo
Cuffie e innovazione
Big Data e CC - 2013
Custom engagement
Banche esperience
Nuovo contactcenter
Manager Assistant
Performance Manage
Nuovo Marketing
Big Data e CC
Stipendio CRM
Next generation
Atteggiamento
Cambiamenti
M2M internet cose
Decalogo e.mail
SM e Servizio Clienti
Auguri significativi
ING Direct USA
Direttiva UE
Social Customer S
UCC Contact Center
Luca D'Ambrosio
Intelligence nella CE
Il caso GiffGaff
Cambio dei media
Social Media C C
Per ogni interazione
SM e Servizio Clienti
Manager paraocchi
Social M e Comunità
Esperienza e azioni
ConferenzaCustomEx
Committente parte4
Gestione Feedback
Committente parte3
Committente parte2
Committente parte1
Voce Cliente 2.0
Eccellenza servizio
Gestire Reclami
Cus.Experience-3
Pensieri 2011
Offshore
Staff Retention
Cus.Experience-2
Integrazione con SN
EsperienzaReput.ne
Cus.Expercience-1
Insegnare il SC
First Call Res.on
Oggi 2010
Indagini on-line
Team Chat
Web Customer S.
Troppi KPI?
Proroga 81/08
Motivazione
Dare e avere
Tele operatore
Gravi Errori
Fedeltà cliente
Evoluzione futura
Ricette relazione
Quale interazione
Sergio Abramo
Customer Service
Qualche riflessione
Esperienza
Misurare l'AHT?
Reinventare il CS
Manager Comunità
Benchmarking 2009
Rapporto Banche
Digital Signage
Test CC virtuale
Favole famose
Glossario Marketing
Saper vendere
Coerenza-Equilibrio
Aziende Aperte
Comunicazione09
Capo Community
Outbound in UK
Qualità voce IP
Attività Energia
Strategie BPO
Multicanale2009
Collaboration 2.0
Redazionali 08-09
Responsabilizzare
Contact Workspace
Business Mkt 2.0
Customer Sat
Sw as a Service
Contact Center 2.0
Schizofrenia
Gare di appalto
Valore del Cliente
Marketing Web 2.0
Prospect Relat. Mkt
Soddisfazione C
Customer Lifetime
Addetti soddisfatti
Cust. Retention
+ Qualità - Costi
Il caso Atesia
Cambiare business
AssistenteVirtuale
Ricerca Aspect
Parlo con l'acqua?
Da Il Sole 24 Ore
Apprendistato
N. Verde Banche
Elenchi telefonici
Ciclo vita e Crm
Vivere nei CC
Ottimizzare
Nuovo Garante
Per Committenti
LightHouse IFM
Soluzioni speech
Mercato Francia
Outsourcing Usa
Innovazione e CC
TLC 2004 in UE
Valore HelpDesk
Riunioni efficaci
Customer Service
Pensieri per 2004
Principi gestionali
e-government-03
Prezzi ricerche
"Total Access"
Aiuto ai clienti
Survey multilingue
Investire in GB
C.C. virtuali in rete
CMF-benchmark
Delega Lavoro
Famiglie on-line
Profilo Manager
Nuovi Help Desk
Agenda fine2002
Dis.legge Co.co.co.

URP: cambiamenti
Sla per competere
Telelavoro 2002
Forme Contrattuali
URP e Cittadini
Indagini Customer
Scritto a HelpDesk
Giocate: test Q.I.
Legge privacy 2002
Call Center e India
Assicurazioni
Internalizzare
Dialoghi curiosi
Relazione e Internet
Euro: info utili
Nuovi simboli
Cirm: Rapporto Crm
Libro Risorse Umane
Stupidaggini
La storia delle cuffie
Capacità Ascolto
Sondaggio atipici
Forum su Crm
E-mail e spamming
Formazione interinali
Il Crm di PWC
Valore opinioni
Consumi e Crm
Datamonitor 2000
Ricerca lavoro
Regole di training
Atipici flessibili
Rassegna libri
Cambio personale
Turnover
Italiani e P.U.
Integrazione IT
Portabilità tlc
Mercato francese
800 in Francia
Aziende e Clienti
Nuovi contatti
E-procurement
Cyberstore
Compagnieonline
Nuovo Marketing
Tariffe TAT
Banca virtuale
Suggerimenti
E-business
Fondi al telefono
Pillole antistress
Motivazioni
Cosourcing
Ambiente di lavoro
Attenzione Cliente
CRM in Italia
Formazione
Lavori atipici
Borsa e CallCenter
Verso l'e-business
E-commerce B2C
Benchmarking
Skill Agenti
Indici performance
Le misurazioni

L'industria di CT
Telefonini e CC
Satisfaction
Garante operativo
Call Center e 675
CRM
Circa la 675
Dagli UK
Knowledge Manager
Microsoft Vision
Infedeltà del cliente
Confronti Europa
Risorse e conflitto
Citazioni
Valore dei servizi
Privacy e TLC
Sicurezza on line
Riflessioni off-line
One to one, oggi
Schegge


  

L’integrazione tecnologica nel call center

La messa in attività di un call center richiede una serie di servizi e funzioni - dall’impianto elettrico alla rete dati e fonia, dall’illuminazione alla climatizzazione - che devono essere progettati in modo integrato al fine di garantire un’operatività coerente con le esigenze del call center, nonché la flessibilità necessaria in un’organizzazione di questo tipo.
Il tutto, naturalmente, con un occhio attento sia al costo iniziale di progettazione e installazione sia al cosiddetto "life cycle costing" ossia al costo globale nel tempo della soluzione adottata.
Se consideriamo,in particolare, la funzione Information Technology, esistono alcune possibilità innovative che consentono di ottenere significativi vantaggi. Nel seguito ne presentano due.


Monitor Lcd
L’adozone per le postazioni di call center dei monitor Lcd, anziché dei tradizionali schermi a tubo catodico, fa sì, ad esempio, che ogni postazione consumi una quantità di energia elettrica inferiore del 20-30% rispetto all’utilizzo di un usuale monitor Crt, con una conseguente minor produzione di calore e la possibilità di evitare un eccessivo dimesionamento in fase di progetto (o un successivo adeguamento) dell’impianto di climatizzazione. La tecnologia Lcd inoltre garantisce immagini stabili a video, affaticando in modo sensibilmente minore rispetto al tubo catodico la vista dell’operatore, e tutela la salute di quest’ultimograzie alla emissione di radiazioni pressochè nulla. Da non trascurare, inoltre, il minor ingombro di questa tipologia di monitor, che si può tradurre nella possibilità di ridurre (compatibilmente con altre esigenze ergonomiche e funzionali) le dimensioni del piano di lavoro e di posizionare conseguentemente un maggior numero di postazioni a parità di superficie. Per quanto riguarda i costi, un monitor Lcd ha un prezzo ad oggi sensibilmente superiore rispetto a uno schermo tradizionale a parità di diagonale (circa 700.000 lire per i 17"), ma occorre anche considerare il fatto che in pochi anni questi ultimi sono destinati a uscire di scena, per cui l’azienda può valutare fin da oggi un investimento in innovazione tecnologica.
Remotizzazione cpu client
Un’altra soluzione che può essere certamente considerata in sede di progettazione di un call center consiste nella remotizzazione delle cpu. In un call center tradizionale, infatti, esiste un apposito locale (o uno spazio all’interno del locale del call center stesso) dove sono posizionati il server e le infrastrutture di comunicazione, ed ogni operatore ha poi a disposizione, nella propria postazione, il "client" con relativo monitor e tastiera.
La remotizzazione delle Cpu consiste nel riunire in un unico locale il server, i vari Acd, Ivr e tutti i client degli operatori. Questi vengono poi collegati mediante un semplice cablaggio di rete alle singole postazioni, che quindi disporranno solo di un monitor, una tastiera, un mouse e una cuffia.
I vantaggi della soluzione sono numerosi. Innanzitutto permette di ridurre le dimensioni dell’impianto di climatizzazione, dal momento che le Cpu, una delle principali fonti di calore nel locale call center assieme ai monitor, vengono racchiuse in un locale a se stante (che necessiterà di condizionamento separato, ma che comunque è di dimensioni molto minori). Consente poi di evitare una serie di problemi legati all’intervento degli operatori sulla configurazione delle macchine e all’installazione di software da parte degli stessi: solo l’amministratore del sistema (o persone da questi autorizzate) ha infatti accesso al locale dove sono presenti i client. Le macchine stesse inoltre potranno incrementare la propria vita utile, dal momento che risiedono in un locale dove la temperatura è notevolmente inferiore a quella dell’ambiente di lavoro e che consente quindi una minore "usura" dei componenti elettronici. Anche spostare le postazioni operatore risulta più agevole, dal momento che non è più necessario muovere le macchine ma è sufficiente riconfigurare il cablaggio di rete.
La tecnologia attuale consente una distanza tra il locale client e la postazione che può arrivare fino a 300 metri.
Il rovescio della medaglia è ovviamente legato al costo di una soluzione di questo tipo, che può essere stimato in una spesa aggiuntiva di circa 900mila lire per postazione rispetto al caso tradizionale.
In Italia non vi sono ancora call center dotati di questa soluzioni, le uniche realizzazioni si trovano in alcune dealing room.