Chatbot questionario
Sogno professionale
Immagini Premi
Advocacy Awards
Serata Premi 2017
CambiareCrescere

Premi CMMC 2017

Management
CEM
APP
Social
Tecnologia
ChatBot


Workshop CEM 2016
Workshop Roma2016
Incontro APP&Digital
Workshop Social CS
Premi Tecnologie-17
Workshop CEM 2016
premio umorismo
indagineCMMC 2016
Viaggio a Roma
PremioSocial 2016
Viaggio a Torino
Digit & Job-parte2
Digit & Job-parte1
Tutto cambia
Viaggio a Bari
Ricerca Digital Int.
Premio Social CRM
Scelta Social C.C.
Nuovi modelli
Barometro Francia
CX criticità
Layout 2013
ManagerCollabora
Collaborazione
Speech Diving
Reg. Opposizioni

Consumatori e CC
Incontri Iscritti
Dossier 2011
Registrazione
Donne gara premi
WebSeminar 2010
Costi CS su Utili
Informazioni CMMC
Protagonisti 2009
Confronti on-line
VirtualAssistantKPI
Workshop 1-2009
C.C. in Italia 2009
Concorso Laureati
Per gli Apprendisti


Meeting 08 - Milano
Workshop 4-2008
Workshop 3-2008
La transizione
Web Seminar 2008
Workshop 2-08
Dopo workshop 1-08
Workshop 1-08
Scenari mercato
Meeting 07-Milano
Web Seminar 2007
Il click to talk
TLMK e dati personali
E-mail, click to talk
Contratti lavoro
Incontri-dibattito
Postazioni CC Italia
Addetti e contratti
Nuove Attività 2007
Attività del 2006
WFManagement-07
Meeting 2-06 Milano
Contratti in Olanda
Certificazione ICIM
Adetti CC all'estero
0 Mercato CRM
Meeting 1-06 Torino
0 Benchmarking 2006
Attività del 2005
Meeting 2-05 Milano
Responsabilita Sociale
Vivere nei CallCenter
CMMC Staffing
Comic Call Power
0 Aste e qualità
Meeting 1-05 Milano
Formazione 2005
0 Motivare operatori
0 Banche costi/cliente
Leadership CC
Meeting 2004 Milano
Esperienze HelpDesk
Meeting 2004 Roma
Supervisori Roma
Fine corso Supervisori
Ricerca Selezione
CC on demand
Indici Valutazione
Valutazione
Formazione 2004
Diploma Supervisori
Dopo Seminario
SeminarioLavoro04
Attività
Incontro Parigi
0 Stress da lavoro
0 Posto di lavoro
0 Udito e cuffie
0 Esperienze e clienti
0 Europa-outsourcing
0 ECCCO-Meeting-ES
3° Meeting 2003
0 Cosa misurare
Master RU 2003
0 Prezzi outsourcerUK
Corso gestionale2
Corso MKT modulo2
Basi di Marketing
0 Customer helping
Corso gestionale1
Corso MKT-03
Decreto lavoro
Report 03 -preview
0 Marketing servizi
Immagini da Parigi
Orario di lavoro
Professionalità
0 Turnover personale
Giornata nazionale
2°Meeting Plan
1°Meeting 2003
Relazione Meeting
Seminario Marketing
Master&Seminari 03
0 Gruppo banche 2002
Outsourcer Vision
0 Conviviale Milano
Assicurazioni Bench
Master Marketing
0 Banche&outsourcing
3° Meeting 2002
0 Riunione Aderenti 02
0 Flash da Master ICT
0 MasterRisorseUmane
Formazione CMMC
Corso Oltre l'e-mail
Corso Gestire e-mail
Master ICT
0 Conviviale Roma
0 SLA nelle telecom
Pubblicità CC DOC
1° Conviviale 2002
2° Meeting 2002
Mondiali calcio
Assoc. Outsourcer
1°Meeting 2002
Pareri 1° Meeting
Public Utilities
Report Ricerche
- Master Benchmark
- 3°Meeting 2001
- Formazione Web CC
- Lavoro a progetto
- Opt-out: norme
Barometro Crm n.2
- 2°Meeting 2001
- 1°Meeting 2001
Ricerche on-line
- L'industria dei CC
- Osservatorio 2000
- Bench Tlc 2001
Bench Tlc (riservato)
Bench Banche/Assic.
- SLA efficaci
- Marchio Web C.C.
- SLA Web Call Center
- Delegazioni CMMC
- 3°Meeting 2000
- 2°Meeting 2000
1°Meeting 2000
- Opportunità sito
Parametri e-mail
- Workshop Web CC
- Opzione co-sourcing
Barometro Crm n.1
Evoluzioni attese
- Lavoro 2001
- Clausole part-time
Consolidamento
- Standard inglesi
Traders on-line
- Banche e Web
- Speech efficace
- New economy
- Incidenza Costi
- Gestire e-mail
Selfservice Solution
- Gara Creatività
- Common needs
Misure omogenee
Bancassicura
- Il Benchmarking
Usi del Benchmark
Costo per contatto
Contatto utile
- Clausole part-time
- Gestione Personale
- SchedeFormazione
- Gestire Uomini
- La Comunicazione
- Il Servizio
- Telelavoro e C.C.
- Gruppo TLC
- Gran Prix 1999
Post-vendita IT
- Servizio 800
- CLI in Italia
- WorkForceManager
- Relazioni 10.12.1999
- Relazioni meeting

Attività del 1999
Attività del 1998
Attività del 1997
Banche e 6 Gennaio
Identificativo call
Il Direttorio
Iniziative all'estero
Applicazioni GSM

Il caso Irlanda
Attese collaboratori
Prezzi TLC

  

La relazione con il cliente é donna

8 marzo 2010 - Giornata della Donna
"Womenomics". E' il nome di una nuova corrente economica che sostiene che il lavoro delle donne è ciò che fa la vera differenza per le dinamiche di sviluppo di un paese

"Pensiero nuovo e positivo": gara a premi CMMC
CONGRATULAZIONI ALLE VINCITRICI !!


CMMC in occasione di questa ricorrenza , ma uscendo dalla retorica, lancia una speciale iniziativa dedicate alle donne che operano nel nostro settore. Del resto si sa che 3/4 del personale impiegato nel comparto é femminile e, in molti casi, i principali spunti di innovazione, collaborazione e confronto vengano proprio dalle donne.

Modalità di partecipazione
Ogni partecipante ha inviato un breve testo che riporta una idea, un pensiero, che possa contribuire a dare nuova positività al mondo della relazione con il cliente e cittadino.

I contributi ricevuti (in ordine di valutazione)


***


Annamaria Pagliai

Acquedotto Pugliese

Andare incontro al cliente/cittadino che vive una situazione difficile per gravi motivazioni fisiche o portatore di handicap, creando un canale telematico preferenziale perché vengano gestite in tempo reale le richieste inoltrate dai clienti o potenziali tali rientranti in questa categoria, o invece di questi, dagli addetti ai servizi sociali. Ad esempio nell’ivr, onde evitare spiacevoli attese, si dovrebbe predisporre una selezione ad hoc. In ogni caso, indipendentemente dal canale di accesso ai servizi prescelto dal chiamante, per evitare abusi, preliminarmente, un messaggio inviterà l’interessato a dichiarare sotto la sua responsabilità di essere portatore di handicap o di invalidità riconosciuta, oltre che naturalmente i suoi dati anagrafici, ad es il c.f. (nell’ivr si potrebbe registrare il messaggio). Inoltre offrire la possibilità di incontrare il cliente al proprio domicilio ove le pratiche prevedano il rilascio di documentazione compilata e sottoascritta da chi é impossibilitato a recarsi allo sportello.

***


Stefania Porcari

IrisCom
Un pensiero nuovo attraverso la comprensione di due parole “vecchie”: ASCOLTO e TEMPO.
L’epoca delle comunicazioni in tutte le forme in realtà non coincide con una migliorata capacità di ascolto. L’ascolto è sempre parziale e superficiale.
L’epoca delle connessioni veloci, delle tecnologie e degli strumenti in grado di abbattere gli ostacoli spazio-temporali non coincide con un miglioramento della qualità dei servizi offerti. Il tempo per gli altri è sempre poco.
Ecco perché il nuovo pensare non soltanto è positivo, ma è soprattutto femminile. Dalle donne e dalla loro naturale inclinazione all’ascolto e al dare valore al fattore tempo può partire una pacifica rivoluzione in grado di cambiare il modo di approcciare gli altri, che siano colleghi o clienti.
Il tempo e l’ascolto, finalmente recuperati e rielaborati in forma cosciente dalle aziende, saranno in grado di salvare il rapporto con l’Altro a tutti i livelli.

**

Stefania
Mattetti


Ministero Lavoro e Politiche Sociali

In una realtà sempre più caratterizzata da relazioni virtuali credo sia importante ricordare e ricollocare al centro dell’attenzione il valore della comunicazione tra operatori pubblici o privati e cittadini/clienti. Sono convinta che solo la capacità di offrire all’utente REALI momenti di ascolto può qualificare sia le aziende che le pubbliche amministrazioni. Per avviare processi di ascolto attivo è necessario investire sulla formazione degli operatori e sulla loro motivazione. Mi rendo conto di non aver scritto novità, ma credo che proprio l’anonimato e la distanza relazionale che stanno caratterizzando la nostro società ci devono far riflettere e far rivalutare l’importanza della comunicazione diretta e la “magia” dell’empatia.

**

Daniela Maria Bitonto

Fiat

Competizione: dentro o fuori? Quando viene stimolata, si deve intendere guardando fuori dall’ambiente lavorativo a noi più prossimo perchè al nostro interno, si dovrebbe provare piacere ad impegnarsi come squadra, altrimenti diventa più faticoso essere realmente competitivi sul mercato.
Meglio scegliere la strada della complicità, della collaborazione e della condivisione perché la competizione esercitata all’interno del proprio staff, crea un ambiente malsano, conflittuale e antagonista. Si rende necessario creare squadre leali e responsabili, creative e motivate ad affrontare le continue sfide del mercato: un ambiente così favorisce una relazione più efficace ed efficiente con il cliente e cittadino.

**

Lucia Maria Affatato

Vodafone

Se guardo i miei desiderata, la chiave di volta nell’ambito della relazione di servizio sia di lavorare in modo sempre piu’ capillare sulla centralità della persona per meglio comprenderne i bisogni come cliente/utente. L’Umanizzazione della relazione - attraverso una raccolta puntuale di feedback e l’apertura di canali alternativi di comunicazione ( ad es blog-chat con l’esperto , sms ), snellire gli iter burocratici rappresentano spunti concreti. Naturalmente la capacita’ di gestire efficacemente le relazioni (telefoniche, scritte, face to face) e di essere in grado di gestire il cliente “difficile” resta alla base di qualsiasi modello di servizio di qualità.

**

Claudia
Ortolani

AlmavivA

Professionalità, semplificazione, passione e INNOVAZIONE, questi i valori chiave che mi piacerebbe “vivere” interagendo con la PA e in generale con le aziende italiane.
Onestà, capacità di motivare e VALORIZZARE, queste le azioni che mi piacerebbe che il Governo avviasse per facilitare l’iniezione di questi VALORI.
Può l’Italia può diventare tutto questo? Io credo di sì.. proviamo a guardare (solo per la parte di eccellenza) come viene considerato il servizio e il cliente ad es. a New York? Sembra al centro in qualsiasi contesto, a prescindere della sua decisione finale e dalle sue capacità di acquisto, tutto gira intorno ai suoi bisogni, per soddisfarlo, ingaggiarlo, costruire fiducia consapevoli della sua capacità di fare cassa di risonanza (magari attraverso i nuovi Social Media).

**

Silvia
Monti


PhonEtica

Questo mondo della Relazione ci appartiene.
A noi donne, funambole del quotidiano, giocoliere di emozioni che si intrecciano tra vita professionale e privata, grazie a questa pratica organizzativa complessa, possiamo prendere decisioni concrete e rapide, e plasmare sapientemente le nostre Relazioni (perché non sono forse il senso più autentico della vita ?).
Siamo delle perfezioniste ? Vogliamo il meglio per tutto ciò che facciamo.
Sentimentali ? Trasmettiamo la nostra passione e la nostra energia positiva.
Continuiamo a “metterci in gioco” quindi, magari “giocando” anche un po’ di più con noi stesse ! Con quel pizzico di “gioco di squadra” in più…

**

Marina
Bozzetti


Consulente

Sicuramente relazionarsi con un sorriso è un grande successo. Se poi riusciamo a strapparne uno al nostro interlocutore: abbiamo fatto centro! Pertanto salvaguardando le ormai inevitabili attese telefoniche, la mia idea è quella di accantonare la musica di attesa e inserire, al loro posto, brevissime sceneggiature di personaggi famosi come Fiorello o Marco Presta e Antonello Dose o altri. La comicità oggi è anche e soprattutto radiofonica e perché non utilizzarla per predisporre al buon umore i nostri clienti?

**

Anna
Sardone


M.M. Automobili Italia

L'aspetto più importante da non dimenticare quando ci raffrontiamo con i clienti é ricordarsi che anche noi a nostra volta siamo clienti; per questo dobbiamo comportarci pensando alle nostre aspettative e a quello che vogliamo sentirci dire quando siamo noi clienti. Indipendentemente se il cliente ha ragione o meno, l'importante é affrontare sempre la conversazione con educazione, professionalità, serietà, competenza, affidabilità, precisione e velocità nelle risposte. E' fondamentale usare le parole giuste con il tono adeguato senza irritare in alcun modo chi ci sta ascoltando. Spesso un no detto con l'intonazione giusta é più facile da accettare.

**

Enrica Maria Scrivano

Regione Lazio

Mi pare che un’ idea od un pensiero “semplici” siano più efficaci di qualsiasi altro marchingegno della mente: <Un sincero desiderio di non deludere il cittadino è una strategia naturale affinché lo stesso si trasformi in possibile cliente, se poi lo si alimenti con la gentilezza di una parola e la dolcezza di un sorriso, entrambi questi strumenti si trasformano in armi infallibili di conquista della sua fiducia>.
Io credo che ognuno rifletta nel suo ambiente la sua stessa potenzialità e così influisca sul destino del mondo: <se si è “veramente” positivi si crea positività, se si finge e si hanno idee e pensieri che vanno nella direzione contraria, si produce invece solo negatività>.

*

Michela Canova

Vox-tel

Momenti difficili, quanti ce ne sono stati e quanti ce ne saranno? La vita è anche questo!! Noi donne lo sappiamo bene, tenacia, forza, dolcezza, organizzazione ci contraddistinguono in tutto ciò che facciamo. Anche l’approccio con il potenziale cliente, chiamato anche Lead per gli anglofoni, diventa un modo per comunicare tutta la nostra abilità nella gestione dei rapporti interpersonali, e donare quindi sicurezza, in quanto la vita continua e chi ha un pensiero positivo può sicuramente farlo nascere anche negli altri. E in quanto a NASCITE chi ci batte!!

*


Maria Lucia Caspani

Guardie Ecologiche Volontarie del Comune di Milano.

Nelle funzioni istituzionali, in servizio, siamo Pubblici Ufficiali e Polizia Amministrativa e pratichiamo di continuo ascolto, comunicazione, scambio di informazioni e dialogo con i clienti/cittadini e gli studenti - educazione ambientale e civica nelle scuole.
In classe incontriamo ragazzi di tutto il mondo e, per dimostrare il senso di accoglimento, personalmente ho imparato a salutare in ventisette lingue. Assicuro che è premiale così come la nostra comunicazione che promuove la funzione "educativa" fra i cittadini.
La mia comunicazione è morbida, ugualmente rassicurante ma netta.
Di fronte a situazioni critiche e con trasgressori, il tono esprime positività e valori di rispetto ma diventa incisivo e diretto.
L’obiettivo è quello di contribuire a formare persone competenti, consapevoli di acquisire nuove capacità e facilitare le conoscenze normative attraverso approfondimenti sull'uso delle risorse ambientali e informative.
Si vengono così a creare, a cascata, notizie spendibili e certe, supportate da buone pratiche, verifiche, esempi, stimoli e rinforzi positivi.
Le GEV dimostrano come i rapporti fra cittadini e Istituzioni continuano ad evolversi e ad adeguarsi ai tempi e sostengono che l'attenzione alla Città e al proprio ambiente sia l'attenzione al nostro presente e al nostro futuro.
Di più, vivere e amare la Città come la propria casa è il massimo rispetto per noi stessi e per il nostro prossimo.
Questo, ritengo, sia il modo per svolgere il nostro servizio con competenza, continuità, responsabilità e credibilità, come agenti di cambiamento.

Premi

Tra i contributi ricevuti e pubblicati in questa sessione del sito di CMMC saranno scelti i migliori e le Autrici riceveranno in premio una copia del volume
"Il lavoro femminile, lo sviluppo economico in Italia".


Promosso da InfoCamere e stampato da Edifir–Edizioni Firenze, il volume testimonia il giusto riconoscimento ad un universo, quello femminile, senza il quale sia la storia in generale, sia la storia dello sviluppo economico, appaiono in parte opache o, comunque, certamente incomplete.
Alessandra Martinelli, Laura Savelli
Il lavoro femminile

Il volume si pone l'obbiettivo di mettere in luce il contributo femminile nel mondo del lavoro e nell'economia del nostro paese, con particolare riguardo agli ultimi due secoli, che hanno visto le donne presenti non più solo nelle campagne, nell'artigianato, nel piccolo commercio, ma in misura crescente nell'industria, nei servizi, dall'istruzione alla sanità, dalle comunicazioni ai trasporti, nelle professioni, nell'imprenditoria e nella finanza. Cercheremo di mettere in rilievo come questa crescita di presenza extra-domestica si sia intrecciata con forti persistenze, ma anche con rilevanti trasformazioni nella vita familiare e nelle relazioni sociali. Ad accompagnare il testo è un percorso fotografico, che presenta mestieri, impieghi, e momenti salienti della vicenda delle lavoratrici italiane.
Volume di 232 pagine - formato 25 x 32,5

 

grazie per la partecipazione