Premi CMMC 2018
Tecnologia
CEM
ChatBot
Engagement
Social
APP&ChatBot VA
Digital Age

Immagini serata1

Immagini serata2

Serata Premi 2018
Legge Telemarketing
GPDR-Servizio Clienti
Leggi e Lavoro 2018
Customer Service OK
Ostacoli/Opportunità
Interazioni Assicuraz.
APP foto Settimana
Settimana CMMC 2017
Partecipa Settimana
Disruption BPO
CX, oggi
Contact C. Phigital
Indagine new attività
Lavoro Digitale
Bandi Premi 2018
Vincitori 2001-2017
Riconoscimento HR
Conversazione e CX
Chatbot questionario
Sogno professionale
Immagini Premi
Advocacy Awards
Serata Premi 2017
CambiareCrescere

Premi CMMC 2017

Management
CEM
APP
Social
Tecnologia
ChatBot


Workshop CEM 2016
Workshop Roma2016
Incontro APP&Digital
Workshop Social CS
Premi Tecnologie-17
Workshop CEM 2016
premio umorismo
indagineCMMC 2016
Viaggio a Roma
PremioSocial 2016
Viaggio a Torino
Digit & Job-parte2
Digit & Job-parte1
Tutto cambia
Viaggio a Bari
Ricerca Digital Int.
Premio Social CRM
Scelta Social C.C.
Nuovi modelli
Barometro Francia
CX criticità
Layout 2013
ManagerCollabora
Collaborazione
Speech Diving
Reg. Opposizioni

Consumatori e CC
Incontri Iscritti
Dossier 2011
Registrazione
Donne gara premi
WebSeminar 2010
Costi CS su Utili
Informazioni CMMC
Protagonisti 2009
Confronti on-line
VirtualAssistantKPI
Workshop 1-2009
C.C. in Italia 2009
Concorso Laureati
Per gli Apprendisti


Meeting 08 - Milano
Workshop 4-2008
Workshop 3-2008
La transizione
Web Seminar 2008
Workshop 2-08
Dopo workshop 1-08
Workshop 1-08
Scenari mercato
Meeting 07-Milano
Web Seminar 2007
Il click to talk
TLMK e dati personali
E-mail, click to talk
Contratti lavoro
Incontri-dibattito
Postazioni CC Italia
Addetti e contratti
Nuove Attività 2007
Attività del 2006
WFManagement-07
Meeting 2-06 Milano
Contratti in Olanda
Certificazione ICIM
Adetti CC all'estero
0 Mercato CRM
Meeting 1-06 Torino
0 Benchmarking 2006
Attività del 2005
Meeting 2-05 Milano
Responsabilita Sociale
Vivere nei CallCenter
CMMC Staffing
Comic Call Power
0 Aste e qualità
Meeting 1-05 Milano
Formazione 2005
0 Motivare operatori
0 Banche costi/cliente
Leadership CC
Meeting 2004 Milano
Esperienze HelpDesk
Meeting 2004 Roma
Supervisori Roma
Fine corso Supervisori
Ricerca Selezione
CC on demand
Indici Valutazione
Valutazione
Formazione 2004
Diploma Supervisori
Dopo Seminario
SeminarioLavoro04
Attività
Incontro Parigi
0 Stress da lavoro
0 Posto di lavoro
0 Udito e cuffie
0 Esperienze e clienti
0 Europa-outsourcing
0 ECCCO-Meeting-ES
3° Meeting 2003
0 Cosa misurare
Master RU 2003
0 Prezzi outsourcerUK
Corso gestionale2
Corso MKT modulo2
Basi di Marketing
0 Customer helping
Corso gestionale1
Corso MKT-03
Decreto lavoro
Report 03 -preview
0 Marketing servizi
Immagini da Parigi
Orario di lavoro
Professionalità
0 Turnover personale
Giornata nazionale
2°Meeting Plan
1°Meeting 2003
Relazione Meeting
Seminario Marketing
Master&Seminari 03
0 Gruppo banche 2002
Outsourcer Vision
0 Conviviale Milano
Assicurazioni Bench
Master Marketing
0 Banche&outsourcing
3° Meeting 2002
0 Riunione Aderenti 02
0 Flash da Master ICT
0 MasterRisorseUmane
Formazione CMMC
Corso Oltre l'e-mail
Corso Gestire e-mail
Master ICT
0 Conviviale Roma
0 SLA nelle telecom
Pubblicità CC DOC
1° Conviviale 2002
2° Meeting 2002
Mondiali calcio
Assoc. Outsourcer
1°Meeting 2002
Pareri 1° Meeting
Public Utilities
Report Ricerche
- Master Benchmark
- 3°Meeting 2001
- Formazione Web CC
- Lavoro a progetto
- Opt-out: norme
Barometro Crm n.2
- 2°Meeting 2001
- 1°Meeting 2001
Ricerche on-line
- L'industria dei CC
- Osservatorio 2000
- Bench Tlc 2001
Bench Tlc (riservato)
Bench Banche/Assic.
- SLA efficaci
- Marchio Web C.C.
- SLA Web Call Center
- Delegazioni CMMC
- 3°Meeting 2000
- 2°Meeting 2000
1°Meeting 2000
- Opportunità sito
Parametri e-mail
- Workshop Web CC
- Opzione co-sourcing
Barometro Crm n.1
Evoluzioni attese
- Lavoro 2001
- Clausole part-time
Consolidamento
- Standard inglesi
Traders on-line
- Banche e Web
- Speech efficace
- New economy
- Incidenza Costi
- Gestire e-mail
Selfservice Solution
- Gara Creatività
- Common needs
Misure omogenee
Bancassicura
- Il Benchmarking
Usi del Benchmark
Costo per contatto
Contatto utile
- Clausole part-time
- Gestione Personale
- SchedeFormazione
- Gestire Uomini
- La Comunicazione
- Il Servizio
- Telelavoro e C.C.
- Gruppo TLC
- Gran Prix 1999
Post-vendita IT
- Servizio 800
- CLI in Italia
- WorkForceManager
- Relazioni 10.12.1999
- Relazioni meeting

Attività del 1999
Attività del 1998
Attività del 1997
Banche e 6 Gennaio
Identificativo call
Il Direttorio
Iniziative all'estero
Applicazioni GSM

Il caso Irlanda
Attese collaboratori
Prezzi TLC

   Automazione e posti di lavoro in UK

Si prevede che nel prossimo quadriennio si perderanno circa l’8% degli attuali posti di lavoro nei call center inglesi. Nel frattempo il lavoro dei servizi clienti è più complesso e richiede più competenze.

Negli anni '70 Barclaycard e British Gas furono tra i primi ad adottare i call center in UK. Ma solo nel 1985, l'imprenditore Sir Peter Wood diede il via al vero boom dei call center, quando fondò Direct Line, la prima azienda a vendere assicurazioni interamente per telefono.
L'industria stava diventando maggiorenne mentre il sole stava tramontando nell'industria britannica del carbone, con chiusure dei pozzi in accelerazione negli anni '90. Le agenzie di sviluppo regionale del governo offrivano incentivi alle imprese per istituire aree ad alto tasso di disoccupazione. Un retaggio di questa iniziativa è il numero di call centre che ora si trovano in posti come il Galles e l'Inghilterra nordorientale.

Agli inizi del secolo le aziende iniziarono a cercare nuovi modi per ridurre i costi e l'industria era presa dal problema dell'offshore.
Solo di recente, aziende come BT e Vodafone hanno rimpatriato i lavori di call center.

Oggi gli Stati Uniti sono il più grande player del settore, con 40.000 centri di contatto che impiegano circa 6 milioni di persone.

ContactBabel prevede che entro il 2021 nel Regno Unito scompariranno 45.700 posti di lavoro. Di questi, 20.000 interessano i 168.000 addetti attualmente impiegati per gestire i rapporti con i clienti da rivenditori e aziende di distribuzione, attività sempre di più online.
Anche le previsioni per il settore finanziario - che con quasi 230.000 dipendenti è il più grande datore di lavoro nei centri di assistenza clienti - sono negative. Si valuta la perdita di quasi 13.000 posti di lavoro. Ci si aspetta anche che la rivoluzione digitale colpisca le società di servizi pubblici, con 11.000 posti di lavoro che si prevede possano essere persi.

Uno studio condotto lo scorso anno dall'IPPR thinktank ha avvertito che i posti di lavoro che generano un terzo della retribuzione annuale nel Regno Unito rischiavano di essere automatizzati. Secondo lo studio, il 44% dei posti di lavoro nel Regno Unito potrebbe essere automatizzato, pari a oltre 13,7 milioni di persone che insieme guadagnano circa 290 miliardi di sterline. Senza dare una scala temporale, lo studio indicava che i lavori a reddito medio - come il personale dei call centre, i segretari e gli operai - avrebbero probabilmente sopportato il peso maggiore.

L'anno scorso è stata istituita una Commissione sul futuro del lavoro, per esaminare come la forza lavoro sarebbe stata influenzata dall'automazione. Secondo la loro analisi, i call center sono un esempio di un settore che sembra destinato a essere radicalmente modificato dall’automazione con i lavori tradizionali potenzialmente persi. Il governo inglese riflette su come rispondere a questi cambiamenti, specialmente se le perdite di lavoro sono concentrate in particolari comunità o regioni.
Infatti, la maggior parte degli addetti al servizio clienti è concentrata in poche centinaia di grandi aziende in tutto il paese, ciascuna delle quali impiega 250 dipendenti o più. Quindi se dovessero chiudere, le perdite di posti di lavoro sarebbero significative. Da notare che i call center più grandi si trovano in Scozia, nel Galles e nel nord-est degli UK.

L’automazione è lo spauracchio per il settore. Ma si tratta di un fenomeno che non deve essere semplicemente visto come pericoloso per la perdita di posti di lavoro. Di fatto, i volumi di chiamate tradizionali diminuiscono, ma le relazioni che si devono tenere sono più complesse e richiedono più tempo per affrontarle. Se c'è un'area dove la complessità è aumentata essa è la vendita al dettaglio, poiché il settore è stato influenzato dagli acquisti online. Va aggiunto che il boom digitale ha cambiato radicalmente le mansioni di lavoro e l'immagine di un operatore telefonico con cuffia è ormai obsoleta, poiché esso gestisce web chat, post sui social media ed e-mail, oltre che a rispondere alle chiamate. La complessità fa salire i salari mentre i datori di lavoro cercano personale multiskilled. Il lavoro sta diventando più difficile e le aziende devono pagare di più, perché il lavoro è più complicato.

Note tratte da:
Rise of robots threatens to terminate the UK call-centre workforce – The Guardian

Maggio 2018